Translate

giovedì 23 aprile 2015

E a Waterloo uno stupendo e avvincente Memoriale prepara il grande evento del Bicentenario della battaglia


Il Memoriale è l'edficio interrato che si vede a sinistra della rotonda dell'antico Panorama; quest'ultimo fu edificato nel 1912. Il turismo della memoria a Waterloo iniziò sin dallo stesso anno della battaglia, il 1815

La sala di proiezione del filmato cuore del Memoriale
Sempre oggi, altro importante reportage sulle pagine del Messaggero. Ho visitato nella Vallonia Belga — anche qui in anteprima — il sito del nuovo Memoriale della battaglia di Waterloo.
Il 18 giugno si celebrerà il bicentenario con una ricostruzione storica che impegnerà 5mila figuranti e per la quale si attendono oltre 200 mila spettatori in tre giorni. Qui trovate le info per l'acquisto dei biglietti.
Ma il cuore del sito sta diventando il modernissimo Memoriale che, completamente interrato, offre un percorso di visita totalmente immersivo che, dalle ore di preparazione dello scontro conduce sino al clou della battaglia, da rivivere in una sala che unisce la proiezione in 3D, gli effetti quadridimensionali e uno schermo a 160°. È la prima volta in Europa che queste tecniche visive vengono utilizzate insieme e l'effetto è davvero eccezionale. Anche questo è un sito da non perdere, Fateci un pensiero: Waterloo è a due passi da Bruxelles e da Charleroi su cui si vola comodamente in poco più di un'ora da Milano e di due da Roma. Qui e qui un po' di info utili. Altre foto girando pagina.

Francia, Pont d'Arc: come si clona una caverna di 36mila anni fa con le sue splendide pitture rupestri. Reportage su Repubblica di oggi


L'edificio che contiene la copia della caverna
Veduta aerea del complesso del sito della Caverne du Pont d'Arc
Repubblica ha pubblicato oggi con grande evidenza un mio reportage esclusivo dedicato alla Caverne du Pont d'Arc. Si tratta di un sito davvero unico e che aprirà al pubblico il 25 aprile. Siamo nel cuore dell'Ardèche, nella regione del Rhone - Alpes, dove nel 1994 è stata scoperta una enorme caverna costellata di centinaia di graffiti e pitture rupestri risalenti a 36mila anni fa. Chiusa al pubblico per esigenze di conservazione e accessibile solo due volte all'anno agli studiosi, la caverna è stata interamente clonata, cioè riprodotta in scala 1:1 in un edificio costruito a poca distanza. La “restituzione” della caverna è ora il cuore di un sito espositivo e didattico moderno e dotato di tutte le tecnologie multimediali. Le stesse che hanno consentito di riprodurre nella caverna “copia”, odori, umidità, formazioni geologiche e soprattutto gli splendidi dipinti rupestri.
Qui trovate maggiori info. L'Ardèche è una regione molto bella, di grande fascino naturalistico e poco antropizzata; informazioni sono disponibili qui mentre qui trovate le info generali sul Rhone - Alpes e qui quelle per viaggiare in Francia.
Un sito da visitare e che fa vivere un'esperienza davvero indimenticabile. Di seguito una piccola gallery.

Il reportage su Ypres e la Grande Guerra nelle Fiandre

Ypres, il bellissimo edificio del mercato dei tessuti ora ospita il museo “In Flanders Fields”. È stato interamente ricostruito dopo essere stato completamente distrutto durante la Grande Guerra
Il servizio sulla Grande Guerra, esito del viaggio nelle Fiandre, è uscito su Avvenire lo scorso 17 aprile e qui trovate il link a una gallery che, sul sito dello stesso quotidiano, espande il servizio uscito sul giornale cartaceo.